Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

VIOLENZA, IN PUGLIA È EMERGENZA AGGRESSIONI AI MEDICI. UN CASO NAZIONALE

Immagine Postata il 09/03/2018
Autore : REDAZIONE

9 Marzo: Puglia, emergenza aggressioni. La segreteria regionale Smi Puglia: "La Regione dia risposte immediate e concrete al documento sindacale di proposte per la messa in sicurezza delle guardie mediche.




COMUNICATO STAMP

9 marzo - Ennesimo violenza ai danni di una dottoressa di Guardia Medica in una sede della Provincia di Lecce. Il tentativo di stupro, come noto, è avvenuto  qualche giorno fa in una visita a domicilio, durante il turno in un Comune del Sud Salento, a Taviano. A denunciare i fatti l’Ordine dei Medici Provinciale. La dottoressa è riuscita a respingere l’aggressione e a scappare via, ma per pudore non ha denunciato il fatto se non qualche giorno dopo presso il suo Ordine Professionale.

La Segreteria regionale Smi Puglia esprime solidarietà e vicinanza alla collega, condanna fermamente l’ennesimo grave episodio che colpisce i medici della sanità pubblica pugliese, quindi ribadisce l’impegno del sindacato a continuare a contrastare con forza questa escalation di violenza. Ricorda che è in atto, da giugno scorso, una iniziativa serrata in tutti i tavoli di contrattazione Aziendali e in quelli Regionali, nonché nel Comitato Pubblico di Sicurezza.

Lo Smi ha presentato proposte concrete insieme ad altre Sigle Sindacali per mettere in sicurezza un servizio centrale per la popolazione.

Purtroppo la Regione, e il Governatore Emiliano, a parte le rassicurazioni verbali, non sono stati così solerti nell’offrire soluzioni immediate e concrete.

Proprio nei giorni scorsi è stato consegnato anche un documento alla parte pubblica con un pacchetto di richieste precise di adeguamento del servizio e degli standard di sicurezza.

Lo SMI è presente e segue con particolare attenzione la drammatica vicenda, e non mancherà di far sentire ancora una volta la sua voce con la Regione Puglia e con le Aziende Sanitarie, affinché si diano con urgenza risposte ai medici che garantiscono l’assistenza h24, e ai quali va garantita la sicurezza e la dignità, come previsto dalle nostre leggi.

Il tempo dell’attesa è scaduto chiediamo atti concreti.


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1