Autenticati


  
  
  
  
 

Dettaglio Notizia

 

In Primo Piano

SCIOPERO TELEMATICO CONTRO LA MALAPOLITICA CHE OCCUPA MILITARMENTE LE ASL E I 'BUROCRATOSAURI' CHE STANNO DEMOLENDO IL SSN

Immagine Postata il 20/02/2016
Autore : MICCICHEMA

20 febbraio - È in corso, a Napoli, la manifestazione unitaria dell'Intersindacale, prima tappa di quella Vertenza Salute che culminerà con lo sciopero del 17 e 18 marzo, ecco alcuni spunti tratti dall'intervento di apertura del Segretario generale dello Smi, Pina Onotri. Il testo è stato pubblicato dal Sole 24 Ore Sanità.




 

SOLE 24 ORE SANITÀ. LEGGI


SCIOPERO TELEMATICO CONTRO LA MALAPOLITICA CHE OCCUPA MILITARMENTE LE ASL E I 'BUROCRATOSAURI' CHE STANNO DEMOLENDO IL SSN

Di Pina Onotri, segretario Generale Smi

O si cambia o si va verso il fallimento. Non si può continuare con il teatrino della politica, con promesse e 'pannicelli caldi': è ancora più evidente alla luce della denuncia del presidente della Corte dei Conti, Raffaele Squitieri, dal quale è arrivato un forte richiamo contro la logica fallimentare dei tagli lineari, che invece di ridurre gli sprechi hanno portato solo a eliminare servizi per i cittadini.
Oggi è tutto il nostro SSN, uno dei sistemi pubblici migliori al mondo nell'organizzazione e offerta di servizi sanitari, ad essere indirizzato su un binario morto. Molteplici i fattori: regionalizzazione, sotto finanziamento, spending review assenza di interventi efficaci sugli sprechi, fallaci sperimentazioni sulle cure primarie, la continuità dell'assistenza e l'emergenza-urgenza, precarietà, tagli dei posti letto. E poi: nessuna governance centrata sui medici, sempre più oggetto, invece, di scelte punitive e oberati da inutili carichi burocratici. 
Tutti elementi che, appunto, stanno esponenzialmente minando la sanità pubblica, demolendo l'offerta per i cittadini e il ruolo stesso dei medici,  favorendo, oltretutto, in modo illiberale quella privata, in assenza di un dibattito politico chiaro e senza il coinvolgimento delle parti sociali.
Ultimo problema in ordine di arrivo: la ridefinizione dell’atto medico e delle competenze professionali, puntando impropriamente su alcune professionalità, che costano di meno perché meno cara è stata la loro formazione.
Sullo sfondo l'incapacità di rispondere adeguatamente alla mutata domanda di salute e comprendere come confrontarsi la la longevità, cronicità parziale autosufficienza, non autosufficienza, conseguentemente presa in carico dei percorsi assistenziali, ecc.
Questo il quadro drammatico che 
Da Napoli, parte questa mobilitazione che ha come prioritario obiettivo la tutela della salute e  dello stato sociale, in questa terra martoriata da mille problemi, camorra, disoccupazione, emergenza rifiuti e ambientale, e che in ambito sanitario, è afflitta da un gap storico e strutturale.
Da questa città mi rivolgo al ministro: attendiamo intanto che la Vertenza Salute entri nell'agenda del Governo e non con una slide in una conferenza stampa, ma con un incontro con il Premier Renzi 
Sempre nel breve periodo, il primo gesto concreto deve essere il ritiro di un decreto sulle prescrizioni che è inappropriato, scritto male, confuso e penalizzante per i pazienti (taglia servizi, aumenta i costi) e per i medici (scaricando l'onere dei tagli, sotto la minaccia di sanzioni).
Quindi, chiediamo che si prevedano risorse certe per riorganizzare la nostra sanità, per stabilizzare il precariato, per riaprire le trattative per il rinnovo di contratti e convenzioni, bloccate ormai da anni.
Per ora dal ministro abbiamo avuto solo rassicurazioni e un calendario di incontri, un atteggiamento positivo, ma troppo poco! Noi crediamo che non ci siano le condizioni per revocare la protesta, anzi è opportuno rilanciare con uno sciopero bianco, bloccando tutte le certificazioni telematiche in modo da mandare un segnale concreto alla malapolitica che occupa 'militarmente' le Asl e gli ospedali, e ai 'burocratosauri' che stanno demolendo la sanità pubblica
 


Interagisci

Vogliamo la tua opinione

 
 
© Copyright 2018 - SINDACATO DEI MEDICI ITALIANI - Segreteria Nazionale - Via Livorno 36 - 00162 Roma
Tel. 06.442.541.60 / 06.442.541.68 - Fax 06.944.434.06 - C.F. 97442340580 - info@sindacatomedicitaliani.it

Versione Portale SMI. 2.6.1